lunedì 15 giugno 2015

(A)MARE CONCHIGLIE di Kyrahm e Julius Kaiser rimandata al 3 Luglio 2015





E' rimandata al 3 Luglio 2015, poco prima del tramonto (ore 18) sulla spiaggia di Forte Sangallo a Nettuno, per la Biennale di Anzio e Nettuno una nuova performance di Kyrahm e Julius Kaiser, artiste italiane della live art.
Una lunga tavolata sul battiasciuga in riva all'acqua al calar del sole.
Il cibo è donato a coloro che hanno una storia da raccontare.
Ha una storia da raccontare chi vive ai margini, chi viene dal mare fuggendo da un paese afflitto dalla guerra, chi una casa non ha, chi solo il corpo può donare, l'anziano patrimonio di ricordi. 

Per due settimane, Kyrahm e Julius Kaiser hanno cercato le persone nei centri di accoglienza e nelle strade.
Il pubblico potrà ascoltare la storia della loro vita. L'obiettivo è aprire una finestra verso un mondo sconosciuto, per abbattere la paura ed il pregiudizio spesso ad esso collegato. Storie di speranza in un viaggio disperato dall'Africa, persone che non vedono i loro cari da anni, avventurati sui gommoni e sopravvissuti ai tanti compagni che non ce l'han fatta.
Anziani, erranti, lucciole, migranti sono le conchiglie del mare, amare, da amare. Quelle stesse conchiglie che calpestiamo distratti sulla spiaggia. Quelle stesse conchiglie che gridano il vento se vi poggiamo l'orecchio. Basterebbe fermarsi, (r)accogliere, ascoltare.
Ulteriori azioni intervalleranno la comunione poetica tra cui “Nella valigia c'è il mare” di Julius Kaiser; “Il Perdono Materno” di Anselmo Chessa; “Il Minacciato” di Kyrahm.
“Nella Valigia c'è il Mare” di Julius Kaiser:
...”Dal grande scoglio nero, compie il suo rituale, come uno stregone, vuol rimettere ordine alle cose, restituendo il mare al mare.” La performance ha preso parte al progetto “il bosco di Pamenide” di Angelo Pretolani.
“Il perdono materno” di Anselmo Chessa:
Pittore ebanista, da oltre 30 anni effettua performance di Sand Art. I disegni durano pochi istanti portati via dalle onde del mare. La delicatezza e la poesia del suo gesto esprimono una forza che trova il coraggio di non rassegnarsi all'ineluttabilità della vita. Il suo lavoro ha preso parte al documentario di Julia Pietrangeli/Julius Kaiser “Il Maestro del Mare” visionabile sul sito di Rai TV e vincitore del premio miglior documentario del Festival Internazionale Cortometraggi Cortoacquario.
“Il Minacciato” di Kyrahm:
Una prostituta interpreta la poesia di J. Borges sull'Amore.

domenica 7 giugno 2015

(A)MARE CONCHIGLIE di Kyrahm e Julius Kaiser 13 Giugno 2015 per la Biennale di Anzio e Nettuno




Il 13 giugno 2015, poco prima del tramonto (ore 18) sulla spiaggia di Forte Sangallo a Nettuno, per la Biennale di Anzio e Nettuno una nuova performance di Kyrahm e Julius Kaiser, artiste italiane della live art.
Una lunga tavolata sul battiasciuga in riva all'acqua al calar del sole.
Il cibo è donato a coloro che hanno una storia da raccontare.
Ha una storia da raccontare chi vive ai margini, chi viene dal mare fuggendo da un paese afflitto dalla guerra, chi una casa non ha, chi solo il corpo può donare, l'anziano patrimonio di ricordi. 

Per due settimane, Kyrahm e Julius Kaiser hanno cercato le persone nei centri di accoglienza e nelle strade.
Il pubblico potrà ascoltare la storia della loro vita. L'obiettivo è aprire una finestra verso un mondo sconosciuto, per abbattere la paura ed il pregiudizio spesso ad esso collegato. Storie di speranza in un viaggio disperato dall'Africa, persone che non vedono i loro cari da anni, avventurati sui gommoni e sopravvissuti ai tanti compagni che non ce l'han fatta.
Anziani, erranti, lucciole, migranti sono le conchiglie del mare, amare, da amare. Quelle stesse conchiglie che calpestiamo distratti sulla spiaggia. Quelle stesse conchiglie che gridano il vento se vi poggiamo l'orecchio. Basterebbe fermarsi, (r)accogliere, ascoltare.
Ulteriori azioni intervalleranno la comunione poetica tra cui “Nella valigia c'è il mare” di Julius Kaiser; “Il Perdono Materno” di Anselmo Chessa; “Il Minacciato” di Kyrahm.
“Nella Valigia c'è il Mare” di Julius Kaiser:
...”Dal grande scoglio nero, compie il suo rituale, come uno stregone, vuol rimettere ordine alle cose, restituendo il mare al mare.” La performance ha preso parte al progetto “il bosco di Pamenide” di Angelo Pretolani.
“Il perdono materno” di Anselmo Chessa:
Pittore ebanista, da oltre 30 anni effettua performance di Sand Art. I disegni durano pochi istanti portati via dalle onde del mare. La delicatezza e la poesia del suo gesto esprimono una forza che trova il coraggio di non rassegnarsi all'ineluttabilità della vita. Il suo lavoro ha preso parte al documentario di Julia Pietrangeli/Julius Kaiser “Il Maestro del Mare” visionabile sul sito di Rai TV e vincitore del premio miglior documentario del Festival Internazionale Cortometraggi Cortoacquario.
“Il Minacciato” di Kyrahm:
Una prostituta interpreta la poesia di J. Borges sull'Amore.

venerdì 22 maggio 2015

Profane Metamorfosi di Kyrahm e Julius Kaiser: dalla Body Art Estrema al Corpo Politico - dalla Videoperformance al Cinema del Reale

A Roma, il 31 maggio alle ore 21, presso il Teatroinscatola, per la rassegna “I Teatri del Profano” Lorenzo Ciccarelli presenta “Profane Metamorfosi”, una serie di video delle performance corporali di Kyrahm e Julius Kaiser, artiste internazionali. Da circa un decennio attive nel campo della performance art, dove a differenza del teatro, “tutto ciò che avviene è reale” le due artiste hanno esplorato i confini fisici e mentali, con performance dal forte impatto emotivo presentate tra l'Europa e gli Stati Uniti. Dalla prima body art estrema, tra sangue (VERO) e nudità come corpo politico, per poi arrivare alle azioni minimali di segno sociale. I territori indagati si espandono dalla performance presso teatri, musei, gallerie e non - luoghi, per approdare al cinema, con la realizzazione di film, documentari e videoarte.



Nel 2009 Kyrahm e Julius Kaiser organizzano la prima edizione del festival internazionale della performance art “MutAzioni Profane”.
In quell'occasione Kyrahm, per la performance “Crisalide” rimane in un bozzolo per 24 ore, custodita dalla madre per i bisogni primari: nella performance successiva l'artista ricomincia a nutrirsi in scena per iniziare “Il ciclo della vita”, un'azione sulle fasi dell'esistenza, dove un neonato piange affamato e corpi anziani mostrano i vecchi corpi.
L'incontro con la body art storica estrema avviene con la performance “Sacrifice” dove avviene una vera crocifissione e Kyrahm piange sangue togliendo aghi dall'arcata sopraccigliare. Aghi e sangue anche nell'azione contro la violenza alle donne “Il gioielliere”: Julius crea una composizione estetica di aghi e collane di perle nella schiena di Kyrahm.
Ma è con la performance “Obsolescenza del genere” che ottengono premi istituzionali: indicata tra le 30 migliori performance gender exploration del mondo, vincitrice del premio arte laguna di Venezia, l'opera presenta corpi nudi di donne e uomini biologici e transessuali e Julius effettua la trasformazione da donna a uomo sulla scena. L'azione diiviene un significativo manifesto politico dei diritti LGBTQ e della teoria queer, secondo cui il genere sessuale è solo una costruzione sociale.
Dopo questa intensa fase, le loro performance assumono una svolta sociale: con l'opera “Azione col Sangue” le artiste invitano il pubblico a donare il sangue in un centro trasfusionale. La sera, a teatro, in scena l'incontro e l'abbraccio poetico con i potenziali riceventi talassemici, persone che non potrebbero vivere senza regolari trasfusioni di sangue.
Ma è con l'opera “Dentro / Fuori" che l'artista Kyrahm si espone totalmente: tornare a rinchiudersi per 24 ore, ma nella cella di isolamento dell'ex carcere del castello di Soriano del Cimino, per ricordare che l'Italia non ha ancora varato il reato di tortura.
Quest'ultimo lavoro sta divenendo un documentario work-in-progress, con interviste ad ex detenuti, testimoni primari della relatività del tempo e della differenza tra corpo libero e corpo liberato.

Kyrahm e Julius Kaiser
Kyrahm è un'artista visuale,autrice, regista, attrice e performer per l'arte contemporanea, il cinema, il teatro d'avanguardia .Collabora con Julius Kaiser, videomaker, regista, drag king e performance artist. Il lavoro di Kyrahm e Julius Kaiser ha ispirato autori, registi ed artisti della scena mainstream. Hanno ottenuto in Italia e all'estero riconoscimenti e premi internazionali.

Ingresso gratuito.

Contatti e riferimenti:
Teatroinscatola
Roma, Lungotevere degli artigiani 12 - ore 21

Artisti
www.humaninstallations.com
www.kyrahm.blogspot.com
www.juliuskaiser.blogspot.com

Anna Novelli
Associazione Culturale Numero d'Oro – per la Ricerca e l'Attività Artistica Scientifica e Sociale

"Mùsami o Vate alle colonne del Vizio" di Mariaelena Masetti Zannini dal 19 al 24 Maggio a Roma



L’Opera è un concerto d’anime che dal giardino della memoria del sommo Poeta spaventa e s’issa sfrecciando nel tondo dell’Ora Suprema.
Il Sacro e il Profano in Gabriele D’Annunzio sono le due porte d’accesso al Terzo Luogo, ove la veggenza orba del Poeta torna a scatenare impulsi primordiali, attraverso scene di vita vissuta e leggende tramandate sulle ispirazioni della sua Poetica.
Non un verso di Lui, bensì una risposta mai data alle domande più profonde si spiegherà tra le righe del testo, in bocca al verbo del femmineo, il suo profilo più segreto.
Le donne, per il Vate, appaiono come veicolo di trascendenza, un tramite spiritista che sventra la carne per attuare un eterno sacrificio, in onore del Sé, a glorificazione del Superuomo che si è col tempo creato, nell’opera d’arte della sua stessa vita, quell’Inimitabile Vita che il mondo intero conosce grazie agli scritti, ma non certo per voce di chi l’ha realmente conosciuto e maledettamente amato.
Un’eraclitea struttura in circolo presenta i vari personaggi, ognuno di loro nel doppio in cui si è a Lui donato.
Vita e morte stordiscono nel vortice d’acqua che rimanda in continuo all’origine, alla nascita della tragedia, al capo in coda della serpe che si morde la coda, alla Madre, alla terra.
Il doppio in D’Annunzio è un fantasma che vive ancora sulla sua nave, eternamente immobile laddove l’acqua si prosciuga. Avanti nel tempo, nascosto già nel futuro.


Spiritualmente vicine al Vate sono le arti da Lui tanto perseguite.
La body art come espressione assoluta di una vita assaporata nei limiti umani,come quella donata dalle artiste Kyrahm e Julius Kaiser le quali, appositamente per la verità teatrale, assurgeranno in nome di questa ricerche sul sé indagando l'Origine sino all'occulto;
La pittura live, operata dall'alchimia di Marco Fioramanti e dalla sua esperienza sul corpo, come fosse una tela, e l'immaginario simbolista dell'Isola dei Morti di Böcklin, ordita dal protagonista-tramite Giuseppe Talarico, tessitore inconsapevole della tela di un quadro, che come un libro, si svelera' solo in chiusura, uscendone, per poterlo ammirare.

Scritto e diretto da Mariaelena Masetti Zannini
Performance Art
scritta e diretta da Kyrahm Human Installations e Julius Kaiser
Scenografia pittura dal vivo e cura dei contenuti di Marco Fioramanti
Aiuto regia Emanuela Bolco
Sound design a cura di Mike Michele Papa
Luci Francesca Corso
Fotografie Luca Caravaggio
Ufficio Stampa Silvia Buffo

PERSONAGGI E INTERPRETI

GABRIELE D’ANNUNZIO Giuseppe Talarico
ANDREA SPERELLI Gianluca Vicari
LUISA DE BENEDICTIS Kyrahm
IDA RUBINSTEIN Gabriella Giuditta Sin Infelise
DORA Lucia Rossi
AMÈLIE MAZOYER Emanuela Bolco
MARCHESA ALESSANDRA DI RUDINÌ CARLOTTI Glenda Canino
LA BELLA OTERO Priscilla Micol Marino
ELEONORA DUSE Statua velata
MARCHESA LUISA CASATI STAMPA Mariaelena Masetti Zannini
JEAN COCTEAU Marco Fioramanti
SERPENTE Martina Leporelli
UN PIPISTRELLO il pipistrello
UNA VOLPE una volpe
UN'ANGUILLA un' anguilla

Con la partecipazione straordinaria dello spirito di Gabriele D’Annunzio.
Nelle mani.

Per info e prenotazioni TEATRO DI DOCUMENTI - v. Nicola Zabaglia, 42 – Roma
tel. 06.5744034
musamiovate@hotmail.com

martedì 12 maggio 2015

Drag King, il sogno di Julia - regia di Claudio Del Signore finalista al Rome Indipendent Film Festival di Roma

Drag King, il sogno di Julia - regia di Cladio Del Signore
finalista Rome Indipendent Film Festival (RIFF AWARDS)
sezione Short Documentaries Competition
Giovedì 14 Maggio 2015 ore 19
The Space Cinema Moderno di Piazza della Republica a Roma



Un tempo gli esseri umani non mancavano di nulla e non v'era distinzione tra uomini e donne: c'erano tre generi: il maschio, la femmina e ne esisteva un terzo che aveva entrambi i caratteri dei primi. Ma Zeus, invidioso, li spaccò in due: da allora ognuno di noi è in perenne ricerca della propria metà, trovando la quale torna all'antica perfezione. (Platone) 
A chi è sfuggito all'ira degli Dei non è risparmiata l'ansia della ricerca: Brutus di notte, Julia di giorno, fragile e tenace, confida davanti allo specchio di non sapere dove porterà il suo viaggio. Fiera attivista lesbica, è uno dei primi “drag king” in Italia.

Diretto, girato e montato da Claudio Del Signore
Un film di Claudio Del Signore, Gianluca Nicoletti e Julia Pietrangeli
con Julius Kaiser
Musica Teho Teardo

ITA -H264 1920x1080 12' 


Ringraziamenti:
Alessandro Penso
Paolo Restuccia
Lucia Pappalardo
KymCom.





rassegna stampa in aggiornamento:

Cinema En Travesti: Drag King, il Sogno di Julia

Drag King al cinema: se il travestitismo è da donna a uomo
 
Drag King al cinema: lei di giorno, lui di notte, è il sogno di Julia Un film sulla fragilità e sulla tenacia di chi è oltre ogni genere sessuale predefinito

Drag King al cinema: lei di giorno, lui di notte. Il sogno di Julia



venerdì 1 maggio 2015

Drag King, il sogno di Julia - regia di Claudio Del Signore Official Selection Torino Gay&Lesbian Film Festival

Sabato 2 Maggio 2015 ore 18 Sala Massimo a Torino
anteprima assoluta del documetario Drag King, il sogno di Julia - regia di Cladio Del Signore



Un tempo gli esseri umani non mancavano di nulla e non v'era distinzione tra uomini e donne: c'erano tre generi: il maschio, la femmina e ne esisteva un terzo che aveva entrambi i caratteri dei primi. Ma Zeus, invidioso, li spaccò in due: da allora ognuno di noi è in perenne ricerca della propria metà, trovando la quale torna all'antica perfezione. (Platone) 
A chi è sfuggito all'ira degli Dei non è risparmiata l'ansia della ricerca: Brutus di notte, Julia di giorno, fragile e tenace, confida davanti allo specchio di non sapere dove porterà il suo viaggio. Fiera attivista lesbica, è uno dei primi “drag king” in Italia.

Diretto, girato e montato da Claudio Del Signore
Un film di Claudio Del Signore, Gianluca Nicoletti e Julia Pietrangeli
con Julius Kaiser
Musica Teho Teardo


ITA -H264 1920x1080 12' 


Ringraziamenti:
Alessandro Penso
Paolo Restuccia
Lucia Pappalardo
KymCom.


Rassegna stampa in aggiornamento:


Cinema En Travesti: Drag King, il Sogno di Julia

Drag King al cinema: se il travestitismo è da donna a uomo
 
Drag King al cinema: lei di giorno, lui di notte, è il sogno di Julia Un film sulla fragilità e sulla tenacia di chi è oltre ogni genere sessuale predefinito

Drag King al cinema: lei di giorno, lui di notte. Il sogno di Julia



mercoledì 22 aprile 2015

25 Aprile: "IL CORPO DEL TESTO"

Kyrahm + Julius Kaiser 
con il patrocinio morale della
V Biennale d’Arte Contemporanea di Anzio e Nettuno
presentano 
“IL CORPO DEL TESTO” 
Performance Art di 24 ore in diretta streaming.
SENZA CIBO. SENZA SONNO. NUTRITI DI SOLA POESIA, FINO ALLO SFINIMENTO.
 
Una performance di Kyrahm e Julius Kaiser
con: Kyrahm, Gianluca Vicari e Mariaelena Masetti Zannini 
Regia video Julius Kaiser

  “Il Corpo del Testo” è una performance estrema che si svolge per 24 ore consecutive e che sarà trasmessa in diretta streaming sul canale Human Installations Web TV.
Il progetto rientra nell’ambito degli esercizi che le artiste propongono durante i loro laboratori durante i quali “portare al limite estremo la condizione psicofisica dell’artista è un pasaggio necessario per l’esplorazione del proprio corpo, strumento primario del performance artist”.

 La diretta streaming sarà disponibile a partire dalle ore 16 di Sabato 25 Aprile fino alle ore 16 di Domenica 26 Aprile al seguente indirizzo:
http://www.livestream.com/humaninstallations

Laboratorio ideato da Kyrahm e Julius Kaiser durante la preparazione dello spettacolo “Mùsami o Vate alle colonne del Vizio” di Mariaelena Masetti Zannini



Una performance di Kyrahm e Julius Kaiser
con: Kyrahm Human Installations,
Gianluca Vicari e Mariaelena Masetti Zannini
Regia video streaming e foto Julius Kaiser